Scenari Metropolitani - Esplorazione della Milano di Antonioni

July 4th, 2010

Progetto di Montepoli, Dal Degan, Padovani, Bonetti,Schiavi.

Il progetto consiste in un atlante comunicativo che propone l’esplorazione di luoghi urbani
scelti da Michelangelo Antonioni come ambientazione di “Cronaca di un amore”.
Il format “Scenari Metropolitani” prevede due livelli di lettura dei luoghi: il primo è la ricostruzione della visione del regista riprendendo gli aspetti caratterizzanti del suo stile compositivo; il secondo, invece, consiste nell’esaltazione della loro potenzialità scenografica implicita, secondo un immaginario altro.
Gli artefatti, che esplicitano il primo livello di lettura, sono di natura fotografica e sono stati presentati in due micro-format: un video di confronto tra i frame ripresi dal discorso filmico di partenza e gli scatti del luogo attuale, e una panoramica a 360° del contesto del luogo preso in analisi. Il secondo livello di lettura, invece, si concretizza in un collage che verrà a sua volta strutturato in due micro-format: una ruota di navigazione e una clip. Il format progettato è costituito da tre dispositivi: un sito web, un’applicazione mobile e un supporto cartaceo. Il dispositivo principale è il sito web da cui è possibile scaricare o richiedere gli altri due.

Sistema artefatti: sito web; applicazione mobile, cartoline.


Scenari Metropolitani. Esplorazione della Milano di Antonioni

Scenari Metropolitani. Esplorazione della Milano di Antonioni

Scenari Metropolitani. Esplorazione della Milano di Antonioni

Progetti | Comments

Comments are closed.

AtlasLab

Prof. Giovanni Baule
Prof. Daniela Calabi
Dott. Vincenzo D’abbraccio
Dott. Marco Quaggiotto
Dott. Elisa Chiodo
Dott. Paolo Casati
Dott. Gaia Scagnetti
Dott. Claude Marzotto

Politecnico di Milano, Facoltà del Design

Unità di Ricerca d.com
Design della Comunicazione

Sezioni


Warning: shuffle() expects parameter 1 to be array, null given in /web/htdocs/www.atlaslab.org/home/wp-content/plugins/tantan-flickr/flickr/class-public.php on line 63